Funzionamento psicologico, Psicologia della vita quotidiana

Il presente tra passato e futuro: dove stiamo andando?

Siamo soliti credere che le nostre azioni siano influenzate dal passato, ma questa influenza è comunque inferiore rispetto a quella esercitata dal futuro. Ora vedremo insieme perché e in che modo.

Se ci fermassimo a riflettere potremmo osservare come ciò che facciamo oggi è in funzione di qualcosa che ci auguriamo oppure vorremmo evitare nel nostro futuro.

Quando una persona ha vissuto un evento traumatico interviene quotidianamente affinché tale episodio non si ripeta, quindi per quanto il passato abbia una forte influenza sul presente ciò che realmente determina le decisioni che prendiamo sono le aspettative nel futuro e l’obiettivo di non vivere più tale situazione.

Quello appena descritto è un esempio di come il futuro influenzi il presente per evitare una situazione, ma è anche possibile che le azioni attuali siano orientate al raggiungimento di uno scopo o un obiettivo.

Possiamo riassumere affermando che il nostro passato influenza le nostre aspettative future, ma sono quest’ultime a influenzare le nostre azioni nel presente.

In psicologia è noto il fenomeno della “profezia che si auto-avvera” secondo cui le convinzioni finiscono per essere realizzare. Non c’è distinzione tra le convinzioni che noi speriamo che si realizzino, da quelle invece che ci farebbero sentire a disagio e vorremmo evitare.

Potremmo trarre alcuni esempi dall’ambito scolastico. Immaginiamo Matteo un alunno che vuole ottenere buoni risultati a scuola, studia con regolarità e appena l’insegnante formula alcune domande sulla lezione precedente alza la mano per intervenire ed essere interrogato; mentre in classe con lui c’è Luca che non crede di esser portato per lo studio, durante i pomeriggi investe un tempo inadeguato per lo svolgimento dei compiti e quando l’insegnante formula delle domande in classe scivola sulla sedia cercando rifugio sotto il banco.

Gli andamenti scolastici dei due alunni sono “profezie che si auto-avverano” perché i due risultati sono determinati dalle azioni messe in atto da ciascuno di loro in base alle loro credenze rispetto al tipo di studente che ritengono di essere e dagli obiettivi che vorrebbero raggiungere con lo studio.

D’altra parte però il futuro non è tutto determinabile e rimane un’incognita. L’essere umano fatica a sostenere l’incertezza e le situazioni di equilibrio quindi a volte per riuscire ad essere rassicurato rispetto al futuro ricorre a delle strategie che lo rendono vulnerabile. Infatti, nei momenti di cambiamento in cui non sappiamo cosa riserverà per noi il futuro siamo tentati di ricorre a cartomanti, astrologi e lettori della mano.

Questa strategie hanno la funzione di aiutare a sostenere alcune fatiche e alcune situazioni che potrebbero avere risvolti negativi, ma sarebbe bene mantenere sempre un certo grado di consapevolezza e non lasciarsi coinvolgere da truffatori o malintenzionati.

Il presente è un ponte tra il passato e il futuro e ciascuno di noi dovrebbe concentrare la sua attenzione su ciò che può fare ciascuno di noi ogni giorno. Il passato è qualcosa che ha lasciato il segno o che è sfumato via velocemente e che non è possibile cambiare, mentre è nelle nostre possibilità intervenire sul presente e sul futuro: nel primo caso possiamo determinare noi le scelte che effettuiamo e nel secondo caso possiamo identificare i nostri obiettivi dando una direzione alle azioni che mettiamo in atto.

Dott.ssa Samantha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, string given in /home/psicol08/public_html/wp-content/plugins/yikes-inc-easy-mailchimp-extender/public/classes/checkbox-integrations.php on line 118