Psicologia della vita quotidiana

EDUCARE: compito di molti, compito di tutti

In latino educazione (educatio) deriva da educare, cioè condurre fuori (ex ducere), questa definizione implica l’esistenza in potenza di “cose” da far emergere, trasformabili in atti per mezzo dell’azione di un soggetto educante. Durkheim, sociologo che si è occupato dell’educazione come fenomeno sociale, con questo termine intende l’azione esercitata sui fanciulli dai genitori e dai… Continue reading EDUCARE: compito di molti, compito di tutti

Benessere, Funzionamento psicologico, Psicologia della vita quotidiana

La memoria

La memoria è la capacità di acquisire nuove informazioni e rievocarle. Tale abilità è strettamente collegata all’apprendimento e al ricordo. La memoria non è un sistema unitario ma è formata da distinti sistemi cognitivi. In prima battuta la memoria si può suddividere in memoria a breve termine (MBT) e memoria a lungo termine (MLT). La… Continue reading La memoria

Benessere, Funzionamento psicologico, Psicologia della vita quotidiana

Invecchiamento mentale

L’allungarsi della vita media ha fatto sì che l’uomo facesse i conti con l'invecchiamento mentale e i limiti di un corpo che col tempo diviene sempre meno performante. Con il tempo, quindi, anche le abilità cognitive risultano non essere più quelle di una volta. Ci può capitare di non ricordare le informazioni importanti di una… Continue reading Invecchiamento mentale

Psicologia della vita quotidiana

La famiglia social network

Attualmente assistiamo ad una nuova struttura che potremmo chiamare "La famiglia social network". All'interno di questa nuova struttura familiare le relazioni si sono rese ancora più complesse poiché il campo della relazione non è più soltanto quello dell’incontro concreto. Intorno a noi abbiamo una società “social”, noi siamo “social” e, di conseguenza, anche le famiglie… Continue reading La famiglia social network

Benessere, Funzionamento psicologico, Psicologia della vita quotidiana

Il diritto di giocare

Mi è capitato di trovarmi davanti a due fonti apparentemente distanti, ma nelle quali ho individuato un filo comune. La prima fonte è stata letta con i bambini della scuola dell'infanzia ed è il libro “Molly e i diritti dei bambini” di Grazia Mauri, il quale racconta di una tartaruga che si ritrova a leggere… Continue reading Il diritto di giocare